Oct 15, 2019 Last Updated 12:20 PM, Sep 15, 2019


L’ipermetropia, presente in oltre il 20% della popolazione, è il difetto visivo che permette di vedere bene gli oggetti lontani, mentre rende difficoltosa la visione di quelli vicini (e dunque crea problemi di affaticamento alla lettura).

occhio ipermetropia

L’origine è genetica: l’occhio si allunga troppo poco rispetto alla norma e al contrario di quello che avviene nella miopia, le immagini vengono messe a fuoco dal cristallino oltre la retina.

L’ipermetrope lieve (fino a una diottria) può essere compensata soprattutto in giovane età con un certo sforzo visivo. Quella media cioè fino a 3 diottrie o elevate cioè oltre a 3 diottrie richiede l’uso permanente di occhiali o lenti a contatto.

Oltre i 40 anni, l’ipermetrope vede sempre peggio gli oggetti vicini, per la comparsa della presbiopia.
Se il difetto non viene corretto con gli occhiali, a lungo andare si manifestano disturbi come la di testa, rapido affaticamento visivo durante la lettura o, quando si è di fronte al computer, arrossamento degli occhi, bruciori, stanchezza mentre si guida l’auto.

Dott. Bravetti

Il Dott. Bravetti, chirurgo oculista a Bologna e Savignano sul Rubicone, è tra i migliori esperti italiani nella chirurgia del segmento anteriore dell'occhio. Ha ottenuto nella sua carriera profesisonale posizioni di rilievo all'Ospedale Sant'Orsola Malpighi di Bologna.

Formazione:
Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode
Specializzazione in Oftamologia 70/70 e lode
Idoneità a Primario di Oculistica nel 1986