Jul 19, 2019 Last Updated 11:12 AM, Jan 6, 2018
La biometria è un esame che consente di acquisire informazioni sull'anatomia dell'occhio necessarie alla selezione della lente intraoculare da impiantare durante l'intervento di rimozione della cataratta. Accanto alla metodica tradizionale definita biometria ad ultrasuoni (a contatto o a immersione) che sfrutta le caratteristiche acustiche dei tessuti oculari per risalire alla lunghezza antero-posteriore dell'occhio, sono da alcuni anni disponibili i biometrici ottici che fanno ricorso a sofisticate strategie ottiche (come la…
L'ecografia bulbare consente di indagare le strutture oculari in base alle loro caratteristiche acustiche. Gli ultrasuoni emessi da una sonda appoggiata sulla cute palpebrale vengono trasmessi o riflessi dai tessuti oculari in modo diverso e questo consente di ottenere delle rappresentazioni monodimensionali (A-scan) o bidimensionali (B-scan) del bulbo oculare. L'esame risulta particolarmente utile nello studio dell'anatomia posteriore dell'occhio in caso di lesioni di dubbia natura (pseudopapilledema da drusen della testa…
La microscopia speculare consente di esaminare lo strato più profondo della cornea, l'endotelio. Questo è un monostrato di cellule perenni (non si rinnovano mai nel corso della vita) che formano un mosaico poligonale e che sono indispensabili per mantenere il giusto grado di trasparenza della cornea. E' importante conoscere la densità delle cellule endoteliali prima di un intervento per sapere quanto tollerante sarà l'occhio in esame all'insulto chirurgico e per…
Che cos’è l’OCT? E’ una tecnica diagnostica recente adottata per molte patologie oculari. La Tomografia a Coerenza Ottica o OCT utilizza raggi di luce coerente che permette di analizzare la retina e, in particolare, la macula (area centrale del tessuto retinico che ci consente di leggere, scrivere, vedere i volti, ecc.) mediante sezioni tomografiche verticali ad alta risoluzione, permettendo di ricostruire l’anatomia della retina. In breve tempo ha permesso di…
La pachimetria corneale consente di risalire allo spessore della cornea. Questo esame ha importanza in molteplici patologie. Nel glaucoma è fondamentale conoscere lo spessore corneale centrale (CCT o central corneal thickness). In previsione di un trattamento di cross-linking è necessario sapere se ci sono aree della cornea il cui lo spessore scende al di sotto dei 400 micron, valore limite oltre il quale il trattamento classico è sconsigliato.
La perimetria computerizzata è un test non invasivo che consente di verificare l’ampiezza del campo visivo e, all’interno di questo, di misurare la sensibilità agli stimoli luminosi nei diversi settori. E' un metodo di analisi che permette di rendersi conto dello stato della visione non solamente centrale (quella che si evidenzia dall'analisi della lettura di lettere) ma anche periferica. Questo esame viene utilizzato per la diagnosi e per valutare nel…
La topografia corneale è un esame diagnostico che consente lo studio della curvatura corneale attraverso le cosiddette mappe corneali. Gli strumenti utilizzati a questo fine sono i topografi, di cui esistono in commercio numerosi modelli. Il principio di funzionamento è lo stesso per tutti i topografi: una serie di anelli concentrici luminosi (anelli di Placido) viene proiettata sulla superficie della cornea; l’immagine viene catturata e processata da un computer che,…