May 21, 2019 Last Updated 11:12 AM, Jan 6, 2018

Il glaucoma è una neuropatia ottica che rappresenta un grave problema sociale in quanto è la seconda causa di cecità irreversibile nei paesi industrializzati.
Il termine glaucoma raggruppa al suo interno una vasta gamma di condizioni cliniche che sono accomunate dalla presenza di un danno al nervo ottico e da un deficit caratteristico del campo visivo. Per questo a volte si preferisce parlare de “i glaucomi”.
Il glaucoma è una malattia cronica e in quanto tale non si può curare; tuttavia grazie alla terapia medica, laser e chirurgica è possibile arrestare o rallentare la sua progressione in modo da garantire al paziente una buona qualità di vita nella maggioranza dei casi.
Il modo migliore per prevenire l'insorgenza e/o l'evoluzione della malattia è quello di recarsi a controlli oculistici periodici soprattutto se si ha qualche parente affetto da glaucoma. I controlli devono essere più frequenti a partire dai 50 anni, visto che l'incidenza della malattia cresce con l'avanzare dell'età.

La forma più comune di glaucoma è anche la più subdola e viene definita glaucoma primario ad angolo aperto. Questa è del tutto asintomatica fino alle fasi tardive della malattia quando il campo visivo del paziente è gravemente compromesso con un impatto importante sulla qualità della vita e sull'autonomia del soggetto affetto.
Il glaucoma primario ad angolo aperto si associa a una pressione intraoculare superiore alla norma e questo è ritenuta la causa principale del danno progressivo che avviene a carico delle fibre del nervo ottico. Obiettivo della terapia sarà dunque quello di abbassare la pressione intraoculare a valori di sicurezza.

Una forma più appariscente di glaucoma è il cosiddetto glaucoma acuto che si manifesta in occhi predisposti con sintomi quali nausea, vomito, dolore all'occhio irradiato alla regione orbitaria, arrossamento oculare e visione annebbiata. In questi casi la pressione intraoculare aumenta in modo improvviso e si rende necessario un trattamento farmacologico e laser per risolvere il quadro clinico.

Dott. Bravetti

Il Dott. Bravetti, chirurgo oculista a Bologna e Savignano sul Rubicone, è tra i migliori esperti italiani nella chirurgia del segmento anteriore dell'occhio. Ha ottenuto nella sua carriera profesisonale posizioni di rilievo all'Ospedale Sant'Orsola Malpighi di Bologna.

Formazione:
Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode
Specializzazione in Oftamologia 70/70 e lode
Idoneità a Primario di Oculistica nel 1986