Sep 21, 2019 Last Updated 12:20 PM, Sep 15, 2019

La correzione dell’astigmatismo con occhiali, con lenti corneali, oppure con la più moderna chirurgia refrattiva è indispensabile, non solo per permettere una buona visione, ma anche per prevenire tutti i fastidiosi sintomi dell’astigmatismo e i disturbi di affaticamento visivo che compaiono dopo brevi periodi di applicazione alla lettura, al videoterminale, alla guida, alla televisione.

Come si corregge l’astigmatismo?
Per correggere l’astigmatismo si usano lenti cilindriche o lenti toriche. Queste lenti hanno la capacità di modificare il potere refrattivo di uno solo dei meridiani della cornea, quello più curvo o quello meno curvo, lasciando inalterato il potere refrattivo di tutti gli altri meridiani. Le lenti toriche possono essere utilizzate come occhiali, come lenti a contatto o come lenti intraoculari.


Tutti gli astigmatismi, sia che si presentino da soli che accompagnati ad altri difetti visivi, come miopia o ipermetropia, possono essere corretti, con grande soddisfazione e con ottima qualità della visione, oltre che con occhiali o lenti corneali, anche con interventi personalizzati di chirurgia refrattiva. Sono questi gli interventi laser o gli impianti di lenti toriche intraoculari. L’occhio astigmatico che mal tollera gli occhiali o le lenti a contatto o è stanco di utilizzare occhiali o lenti a contatto, può essere corretto con le tecniche più innovative, oggi altamente perfezionate e consolidate, di chirurgia refrattiva mediante:
  • il laser ad eccimeri secondo le metodiche più avanzate e all’avanguardia di PRK e FEMTOLASIK che modificano la forma della cornea, rendono simmetrica la curvatura di tutti i meridiani corneali e ne uniformano, così, il potere refrattivo. Questa metodica ha la capacita di correggere e annullare l’astigmatismo fino a 3-4-5 diottrie;
  • il laser a femtosecodi con la rivoluzionaria tecnica Smile;
  • i più moderni impianti personalizzati di lenti intraoculari fachiche, che correggono anche gli astigmatismi più elevati;
  • gli impianti di lenti intraoculari pseudofachiche che in caso di intervento di cataratta correggono contemporaneamente la cataratta e l’astigmatismo preesistente;
  • la cheratotomia, che si usa solo in casi particolari, e prevede l’esecuzione di una o più incisioni, eseguite con il laser a femtosecondi, sulla parte più periferica della cornea.

Gli interventi laser per l'astigmatismo sono trattamenti superficiali e poco invasivi, vengono eseguiti in pochi minuti con alcune gocce di collirio anestetico. I tempi di recupero visivo dopo la chirurgia variano da 1 giorno per la LASIK, la FEMTOLASIK, la tecnica Smile, l’impianto di lenti intraoculari pseudofachiche e fachiche, a 1 settimana per la PRK astigmatica.

Il dott. Bravetti e i suoi collaboratori sono a vostra disposizione per consigliare e suggerire la strategia più adeguata, la tecnica più indicata, la correzione più adatta al vostro astigmatismo per la migliore soddisfazione e per la migliore qualità della visione.

 

Dott. Bravetti

Il Dott. Bravetti, chirurgo oculista a Bologna e Savignano sul Rubicone, è tra i migliori esperti italiani nella chirurgia del segmento anteriore dell'occhio. Ha ottenuto nella sua carriera profesisonale posizioni di rilievo all'Ospedale Sant'Orsola Malpighi di Bologna.

Formazione:
Laurea in Medicina e Chirurgia 110/110 e lode
Specializzazione in Oftamologia 70/70 e lode
Idoneità a Primario di Oculistica nel 1986